On the Move 2012 – Crossmedialità e innovazione. Quale futuro per la comunicazione sociale?

Uniferpi Padova, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova, ospiterà Venerdì 8 giugno 2012 ore 9.30-12.30 presso aula Calfura 2 (Palazzo Maldura, via Beato Pellegrino, 1, Padova) la VI tappa del Roadshow ON THE MOVE 2012 , promosso da Fondazione Pubblicità Progresso .

Crossmedialità e innovazione: quale futuro per la comunicazione sociale? Questo l’oggetto del confronto che avverrà alla presenza del Dott. Alberto Contri (Presidente Fondazione Pubblicità Progresso) e della Dott.ssa Rossella Sobrero (Consigliere Fondazione Pubblicità Progresso) che, con il prezioso intervento di alcuni docenti dei corsi di laurea in Comunicazione e Strategie di Comunicazione, come la Prof.ssa Maria Grazia Busà, il Prof. Vittorio Montieri e il Prof. Vincenzo Romania, andranno ad analizzare tematiche inerenti la comunicazione sociale e i suoi sviluppi nell’era della rivoluzione digitale e dei social media.

Con l’occasione sarà presentata anche la VI Edizione del concorso ON THE MOVE.

Gli obiettivi generali del concorso sono quelli di promuovere presso i giovani  la cultura della comunicazione sociale, raccogliendo inoltre stimoli, idee, suggerimenti sui temi al centro dell’attenzione. L’edizione 2012 richiede ai partecipanti di immaginare di essere un giornalista o un pubblicitario a seconda delle inclinazioni personali e immaginare di essere nel 2021, anno in cui la Fondazione Pubblicità Progresso compirà 50 anni.

Il concorso mette in palio 15 viaggi a Strasburgo con visita al Parlamento Europeo e la partecipazione a novembre a Milano a un evento di Pubblicità Progresso. Per maggiori informazioni visitare il sito della Fondazione Pubblicità Progresso.

Ai presenti sarà in seguito rilasciato un attestato di partecipazione.

L’ingresso è libero, ma per motivi organizzativi si prega di dare conferma di partecipazione, inviando una mail a Silvia Zanatta – delegata territoriale Uniferpi Padova all’indirizzo uniferpipadova@gmail.com

Per scaricare il programma dell’evento: On the Move 2012 – Crossmedialità e innovazione: quale futuro per la comunicazione sociale?

Vi aspettiamo numerosi!

Silvia Zanatta

Delegata Territoriale Uniferpi Padova

UniFerpi Padova e l’Aperitivo con i professionisti

Cari amici,

voglio condividere con voi un contributo derivante da un pomeriggio Padovano, ricco di stimoli e frizzantezza.

Per gli amici di Uniferpi Padova l’ultimo Aperitivo della Comunicazione, si è trasformato da “Aperitivo con il professionista” ad “Aperitivo con i professionisti”.

Una giornata serena, due tavoli, qualche sedia e un clima divenuto ben presto molto accogliente.

Ad allietarci con la loro presenza, infatti, c’erano Enrico Pinton, junior account di PR Consulting e socio associato Ferpi, e Roberto Fioretto, che invece si occupa di Comunicazione e Relazioni Esterne presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Ai giovani professionisti abbiamo chiesto di raccontarci chi fossero, da dove venissero, dove fossero diretti, ma dato il clima di estrema cordialità che si è venuto a creare, abbiamo deciso di farlo fatto in un modo un po’ particolare e…artigianale!

Ascoltiamo allora Enrico e Roberto, che si sono raccontati così:

L’aperitivo è stato, per noi, un’occasione per ragionare attorno al tema della “rete”, del web 2.0 e delle sue applicazioni all’interno del mondo della comunicazione e, nello specifico, delle relazioni pubbliche.

Siamo andati alla ricerca e alla scoperta delle interconnessioni, dei legami e delle diramazioni dell’esperienza professionale dei nostri due “ospiti”, nell’intento di capire e approfondire maggiormente che cosa significasse lavorare e operare all’interno di un’Agenzia di Relazioni Pubbliche, piuttosto che all’interno di una realtà come quella di una Fondazione, interrogandoci inoltre sul significato e sull’essenza di queste due entità.

Uno dei punti chiave emersi è rappresentato dal ruolo centrale di entrambi gli enti come attivatori sociali.

La chiacchierata è proseguita con l’analisi di alcune iniziative legate a Segnavie, un’iniziativa che “vuole offrire ai ‘viaggiatori della modernità’ – tutti noi – spunti di ‘riflessione attiva’ capaci di favorire una crescita consapevole del nostro territorio”.

Tale progetto ha coinvolto energicamente Enrico e Roberto: dall’attività di brand naming e brand identity (da non tradurre con “Immagine di brand”, come sottolinea Enrico Pinton), fino all’attività di ufficio stampa. Dal piano di comunicazione, alla comunicazione integrata. Dal pensiero strategico all’analisi dei risultati. Dalla presa di coscienza dei lati positivi e dal commento critico degli elementi negativi.

Questa la base da cui ci siamo confrontati con i professionisti per capire come queste attività potessero essere integrate con i meccanismi del web 2.0, meccanismi tanto citati, da essere definiti un “salto” in grado di generare un passaggio da “progetto pilota” a vero e proprio “approccio culturale”.

Che cosa è dunque emerso da questo confronto? Sicuramente la dedizione nel costruire e mantenere una online brand reputation, un’attività continuativa di ascolto, un utilizzo consapevole e programmato degli strumenti web di base, integrato con gli sviluppi di web 2.0, visto non più unicamente con diffidenza, bensì accolto come sfida.

Eppure non è solamente la comunicazione esterna, quella rivolta ai pubblici di riferimento, che risente degli effetti di questa sorta di evoluzione. Si parla allora di funzione trasversale della comunicazione, funzione che coinvolge anche la comunicazione interna e per la quale, oggi, sempre più, assumono importanza il concetto di dialogo e di conversazione.

L’Aperitivo ha messo in luce l’importanza della collaborazione, elemento imprescindibile per far fruttare opportunità varie e diverse, con occhi critici e analitici.

E non è proprio questo che cerchiamo di perseguire anche noi a livello di Associazione?

A tal proposito Enrico e Roberto ci ricordano che “Fare parte di un’associazione aiuta a sfondare un tetto di cristallo”.

Che cosa aspettiamo a sfondarlo?

Silvia Zanatta